“CENTO DERBY SUI NAVIGLI”.

Il derby è la partita che divide la città, la fa discutere, soffrire. Non si gioca solo in campo, ma anche nei bar, negli uffici, nelle scuole o in famiglia, con le divisioni tra mariti e mogli, padri e figli.

Dura settimane, mesi o addirittura una vita, quando è impossibile da dimenticare per il numero di gol segnati, la rimonta improvvisa o lo scudetto che ha deciso.

Perché, se l’era è ormai dettata dagli onnivori diritti televisivi e dai like sui social, le rivalità sportive hanno sempre un cuore antico. E la stracittadina milanese è una storia infinita, che non stanca mai di stupire.

Tanto più che, tra tutti i derby italiani, quello di Milano è il più giocato, il più prestigioso. E in Europa è il più titolato per Coppe dei Campioni/Champions League vinte.

Il primo derby nel 1908 a Chiasso

Cento derby sui Navigli” (Book Editore) è il libro con cui – insieme agli amici Alberto Figliolia (interista) e Mauro Raimondi (milanista) – attraverso cento sfide ne abbiamo ripercorso le vicende a partire dalla prima, disputata a Chiasso nel 1908. Facendo rivivere personaggi conosciuti e dimenticati, antiche e nuove polemiche, partite celebri o minori.

Nelle pagine appaiono nomi noti a tutti come Meazza, Lorenzi e Nordahl, Rivera e Mazzola, Lodetti e Suárez (ai quali il libro è dedicato), i fratelli Baresi, Beccalossi e Hateley, Ronaldo e Shevchenko, Zanetti e Maldini, fino a giungere a Ibrahimović e Lukaku, Giroud e Martínez.

LODETTI E SUAREZ

Ma fanno anche capolino – per la gioia degli appassionati e dei curiosi – i fratelli Cevenini, Nyers, Schnellinger, Berti, Maldera, Bergomi, Calloni e Minaudo, Mexès e Palacio, che un segno nei derby lo hanno comunque lasciato. Così come Virgilio Fossati, deceduto durante il primo conflitto mondiale, o l’allenatore Árpád Weisz, che non è più tornato da Auschwitz.

Un fenomeno popolare

Nei suoi 116 anni di vita, infatti, la stracittadina ha attraversato momenti fondamentali nella storia d’Italia e di Milano che nei nove capitoli, abbiamo alternato spesso con giocatori e gol. Perché una partita di calcio è un fenomeno popolare, destinato a intrecciarsi con gli avvenimenti che lo circondano.

RAY WILKINS (a terra), KARL-HEINZ RUMMENIGGE e FILIPPO GALLI

Le prefazioni di Facchetti e Galli

“Cento derby sui Navigli” è impreziosito da un dipinto del pittore Giovanni Cerri in copertina e dalle prefazioni di Gianfelice Facchetti e Filippo Galli, che ringrazio anche per la disponibilità a ospitarmi su questo blog. Così scrive Filippo nella prefazione: “Un libro che racconta i cento principali derby tra Milan e Inter è un’occasione per ripercorrere la storia del calcio, ma anche della città di Milano, che negli anni è cambiata insieme alle squadre che la rappresentano. Per me, che sono stato protagonista della stracittadina in diverse occasioni, è un tuffo nel passato alla riscoperta di emozioni vissute qualche anno fa sul campo”.

Il libro sarà in distribuzione nelle librerie a partire da oggi 23 febbraio.

BIO Davide Grassi: giornalista pubblicista, ha collaborato con diversi quotidiani nazionali, tra cui il Corriere della Sera, e con magazine di calcio e radio. Ha scritto e curato diversi libri soprattutto di letteratura sportiva, ma anche di storia della Seconda guerra mondiale e musica. Con il suo primo libro, nel 2002 ha vinto il premio “Giornalista pubblicista dell’anno” e nel 2021 ha ricevuto il Premio letterario “Franco Loi”. Ha pubblicato molti libri sulla storia del Milan, è vicepresidente dell’Associazione Milanisti 1899 ed è stato tra i fondatori di Radio Rossonera. Il suo sito è www.davideg.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche